Anche quest’anno la redazione del segnalibro va in vacanza…

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento di giornalismo e abbiamo deciso di raccontare questo laboratorio attraverso quest’ultimo articolo.

Questo corso ci ha aiutato molto anche nei temi scolastici, infatti abbiamo scritto molti articoli:

  • Smog: da dove deriva in che modo si forma e i danni che provoca

  • J-ax e Fedez

  • Il bacio tra Giove e Venere

  • Carne avariata nelle mense

  • Ghali

  • Gli effetti dei videogiochi

  • Cose accadute nel 2017 che forse non sai…

Anche i ragazzi del servizio civile scolastico hanno contribuito nel fare alcuni articoli.

Ma adesso prepariamoci perchè arriva l’ESTATE!!!

large.jpg

Annunci

La festa della Repubblica

Festa-della-Repubblica.jpg

In occasione del 2 Giugno si celebra la nascita della Repubblica Italiana, in ricordo del referendum istituzionale del 1946. La celebrazione principale avviene a Roma, capitale d’Italia, con una serie di eventi che partono dalla mattina per prolungarsi nell’arco di tutto il pomeriggio. Specificatamene quest’anno si festeggerà il 72° anniversario della nascita della Repubblica ed il cerimoniale della manifestazione organizzato a Roma comprenderà come sempre la deposizione di una corona d’alloro in omaggio al Milite Ignoto all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica Italiana e una parata militare lungo via dei Fori Imperiali. In particolare la parata militare fu inserita per la prima volta nel protocollo delle celebrazioni ufficiali nel 1950 e ad essa partecipano tutte le forze armate italiane, tutte le forze di polizia della Repubblica, il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, la Protezione Civile e la Croce Rossa Italiana.

71a8507bbef6c51c9df5a54a78eaca00.jpg

Per la festa della Repubblica  c’è anche una parata. La cerimonia del 2 Giugno ha inizio intorno alle 9.00 del mattino presso l’Altare della Patria dove il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, deporrà una corona d’alloro alla presenza delle massime cariche dello Stato.

festa-della-repubblica-immagini-4-300x132.jpg

Sara Bargiacchi 🙂

Alla presa con gli slime! :P

Tutti ora parlano dello “slime”, una sostanza diventata antistress, poiché la caratteristica principale riguarda il fatto che esso si possa allungare. Talvolta, lo slime può produrre suoni rilassanti, può strapparsi, può rimbalzare…

Alcuni slime, inoltre, non seccano,come la “Pasta Magica”.

Gli slime sono molto amati da tutti, tranne dalle mamme perchè, in primo luogo, perchè, andando a contatto con i mobili, i muri e, soprattutto con i tappeti o i vestiti, può provocare dei piccoli danni. In secondo luogo, perchè costa troppo.

Le tipologie di slime sono tante, come ad esempio il crunchy, il fluffy, il butter …

Gli slime si possono anche fare in casa e gli youtuber più famosi che lo fanno sono: Iolanda Sweets, Lady Giorgia.

Prima, abbiamo parlato del fluffy slime e una sua ricetta è:

Esistono anche slime commestibili:

KRISTEL & EILI:)

Sfera Ebbasta

Sfera ebbasta

Primi anni (2011-2013)

Il trapper inizia la propria attività musicale caricando video su YouTube tra il 2011 e il 2012 senza riscuotere alcun successo, in questo periodo conosce il produttore Charlie Charles, in occasione di una festa di Hip Hop. Forma così il collettivo Billion Headz Money Gang, meglio conosciuto con lo XDVR (2014-2016)

A partire da novembre 2014 produce diversi pezzi in collaborazione con Charlie Charles il suo attuale producer musicale che e li pubblica su YouTube con i rispettivi video. Dopo l’uscita del brano Panette inizia ad essere contattato da alcune etichette discografiche cronimo BHMG. Il 15 settembre 2013 pubblica Emergenza Mixtape

XDVR (2014-2016)

A partire da novembre 2014 produce diversi pezzi in collaborazione con Charlie Charles, che pubblica su YouTube con i rispettivi video. Dopo l’uscita del brano Panette inizia ad essere contattato da alcune etichette discografiche

L’11 giugno 2015 fa il suo esordio con il primo album in studio XDVR, composto da alcuni dei singoli pubblicati nei mesi precedenti e altri inediti. Uscito inizialmente per il download gratuito l’album viene ripubblicato in versione reloaded il 23 novembre attraverso la Roccia Music, etichetta discografica indipendente di Marracash e Shablo, e distribuito nei circuiti di vendita nazionali; oltre ai brani già presenti nella tracklist originale include gli inediti XDVRMX (con Marracash e Luchè), Ciny (di cui viene girato anche un videoclip) e Trap Kings. L’album ottiene un buon successo nell’underground e aumenta notevolmente la popolarità della musica trap in Italia, ricevendo anche un ottimo riscontro da parte della critica specializzata,ma è anche oggetto di numerose critiche in quanto vari brani parlano di vita dei quartieri di periferia (ispirati soprattutto alla realtà di strada della sua città, Cinisello Balsamo), comprendendo attività criminali e consumo di droghe quali la codeina e la marijuana.

Il 20 gennaio 2016 viene pubblicato su YouTube il video del brano inedito Blunt & Sprite, mentre nel corso dell’anno Sfera Ebbasta prende parte a una traccia del disco Anarchie del rapper francese SCH, positivamente impressionato dall’ascolto dei pezzi del rapper durante un soggiorno in Italia: realizza il brano Cartine Cartier, prodotto da Charlie Charles e DJ Kore, estratto come singolo promozionale dell’album

    Andrea Gjergji

Jacopo e la origamimania ;-)

Negli ultimi anni ho fatto una scoperta che mi appassiona molto: gli origami!

A volte sono una passione talmente travolgente che non sempre riesco a frenare. Adoro lavorare con le mani e creare oggetti curiosi partendo da un semplice foglio di carta rettangolare ( a volte anche quadrato).

Ma “Cosa sono gli origami?”  ” Da dove vengono?” sono domande che mi vengono fatte spesso ma alle quali non riesco sempre a dare la risposta corretta, quindi oggi ho pensato con questo articolo di riuscire con voi a trovare quella giusta.

La parola origami deriva dal giapponese “ori” che significa “piega” e “kami” che vuol dire “carta”.

storia-origami

In Giappone, quasi tutti conoscono il metodo per fare una gru, che nella loro tradizione era considerata di buon augurio o ringraziamento, come da noi si piega la carta per fare delle barchette o aeroplanini per passatempo.

L’ingresso ufficiale dell’ origami nella cultura giapponese è databile intorno al IX secolo d.C., quando, durante i rituali religiosi nei templi Shinto, apparvero i primi go-hei (strisce di carta bianca piegate a zig-zag), simboli della presenza di Dio. La carta era già da decenni considerata un materiale nobile e la sua introduzione, con i go-hei, nella sfera religiosa ne consolidò il fascino e il rispetto. Infatti, ben presto le complesse regole dell’Orikota(figure di carta piegata) e i modelli originali dello stesso vennero custoditi con religiosa cura dalla casta sacerdotale shintoista. Anche durante le cerimonie nuziali era usanza, e lo è tutt’oggi, attaccare delle farfalle di carta alle coppe di sakè con le quali gli sposi brindano alla felicità della loro unione. Queste farfalle di carta (mecho,  per lo sposo e o-cho, per la sposa) avevano un profondo significato augurale e la loro preparazione era considerata un grande onore, solitamente riservato ai parenti più stretti.

L’origami diventò ben presto e per secoli una pratica comune. Piccoli oggetti di uso comune e domestico (come, per esempio, aghi, rocchetti di filo ecc.) erano riposti in piccoli contenitori di carta piegati opportunamente secondo le necessità. Le erbe medicinali venivano custodite in scatolette o cofanetti (tsu-tsumi) che, realizzati in carta, permettevano di mantenere il giusto grado di umidità naturale e una perfetta traspirazione, senza comprimere le erbe stesse.

Kabuto – elmetto samurai

L’arte dell’origami, tramandata di generazione in generazione, veniva, e viene anche oggi, insegnata ai bambini in tenera età, in modo che possano realizzare essi stessi i propri giochi: l’elmetto samurai (kabuto) è una tra le figure più popolari; inoltre, non dimentichiamo che i primi aquiloni nacquero come origami volanti. Allo stesso modo, nel rispetto delle tradizioni, alle bambine venivano insegnate quelle forme di origami che, dopo il matrimonio, avrebbero dovuto abbellire la loro casa.

Successivamente questa arte è arrivata in Europa e piano piano si è diffusa nel nostro continente.

La cosa che mi affascina di più di questa tecnica è il trasformare dei semplici fogli in oggetti 3D, facendo solo delle semplici piegature, ma non è proprio semplice come si può pensare. Per fare questi lavoretti è necessario essere precisi, pazienti e veloci.

Provateci anche voi 🙂

 

JACOPO BUSCIONI

 

Il minuto ’13 per Davide Astori

 

Il minuto ’13 per Davide Astori

Domenica 11 marzo per la squadra di mister Pioli non è stata una partita qualsiasi, ma una partita diversa: la prima partita senza Astori.

I Viola giocano contro il Benevento e al posto del capitano storico, in campo a portare la fascia c’era Milan Badelj.

Per la squadra di casa a sostituire il capitano nelle retrovie della difesa viene messo in campo Victor Hugo.

L’ Artemio Franchi era gremito sugli spalti.

Tra gli Undici di Pioli in campo era presente anche Riccardo Saponara, grande amico e compagno di Davide.

Al minuto ’13 i giocatori di entrambi le squadre si fermano e la curva FIESOLE all’ improvviso tira fuori una bellissima scenografia con scritto: “DAVIDE 13” e nel silenzio un grande applauso pieno di commozione per la scomparsa prematura del Capitano Davide Astori.

Il primo tempo della partita è stato caratterizzato da un sacco di occasioni, tutte sprecate; tranne una: Saponara mette una palla deliziosa in mezzo all’area e Hugo colpisce di testa e immobilizza Puggioni.

Victor va davanti alla panchina Viola, prende una maglietta con un’immagine di Davide; stando sugli attenti…e all’improvviso inizia a piovere.

Altro momento di commozione in campo per le squadre e sugli spalti.

Il secondo tempo per la formazione di casa è stata un po’ sofferta, ma pur meritandosela, riescono nella vittoria.

In questa partita ci sono state tante coincidenze: la Fiorentina segna con il sostituto di Davide, segnano al minuto ’26: il doppio di 13, Victor Hugo ha come numero di maglia il 31, come gli anni di Astori, come l’opposto delle cifre del numero della maglia del Capitano scomparso.

Molti hanno pensato che il goal è stato di DAVIDE ASTORI.

Io quella partita l’ho vista dalla curva Ferrovia, una partita strana, diversa dalle solite a cui ho partecipato prima di allora. Una partita che non mi sarei perso per niente al mondo, tanto da rinunciare a giocare la partita di calcio con la mia squadra.

Da tifoso Viola non potevo mancare a dare il mio saluto al Capitano.

CIAO CAPITANO…….CI MANCHERAI!!!!!

MATTIA CHELINI

MINECRAFT… UN METODO DI STUDIO! / 1

Minecraft è finalmente arrivato a scuola!!! Proposta data dagli USA, facendo felici gli appassionati di minecraft.
Questa attività è stata scelta dalla scuola di Torino per stimolare la creatività degli studenti. Minecraft, detto “CAVE GAME” è molto seguito dalle celebrità.

Su minecraft sono stati inventati molti libri tra cui il romanzo “The crasher” e “Minecraft il viaggio iniziale”.
JACOPO BUSCIONI E GABRIELE PRATOLA