Ghali

Primi anni (2011-2016)

Inizia ad avvicinarsi al trap con il  nome Fobia, poi diventato Ghali Foh. Nel 2011 fonda i Troupe D’Elite . Nello stesso anno riceve una chiamata dal rapper, ora trapper Gué Pequeno, che lo mette sotto contratto nella sua etichetta Tanta Roba. Con il tempo, si fa conoscere anche grazie a Fedez, accompagnandolo nel suo tour. L’anno successivo pubblica con il gruppo l’EP omonimo: la critica lo definisce come uno dei punti più bassi del rap italiano, il gruppo è considerato al limite del demenziale.

Nel luglio del 2013 Ghali pubblica Leader Mixtape, collaborando con artisti quali Sfera Ebbasta, Maruego ed altri. Un anno dopo i Troupe D’Elite rescindono il contratto con la Tanta Roba e pubblicano l’album Il mio giorno preferito come artisti indipendenti, in download gratuito sulla piattaforma Honiro.

Dal 2014 al 2016 pubblica una serie di singoli accompagnati da videoclip sul proprio canale YouTube, grazie ai quali ottiene popolarità. Nel 2015 cambia inoltre il proprio nome d’arte in Ghali.

Album (2016-presente)

Il 14 ottobre 2016, tramite la Sto Records, pubblica su Spotify il singolo di debutto Ninna nanna, che stabilisce nuovi record di streaming, ottenendo il più alto numero di ascolti nel primo giorno; il brano ha inoltre raggiunto la vetta della Top Singoli solo grazie all’ascolto in streaming, dato che l’artista decide di non mettere il singolo in vendita nei negozi digitali di musica.

Il singolo viene certificato triplo disco di platino dalla FIMI per le oltre 150.000 copie vendute.

Il 3 febbraio 2017 pubblica il singolo Pizza kebab, che raggiunge la terza posizione della Top Singoli e viene certificato disco d’oro dalla FIMI. Il 17 marzo partecipa alla realizzazione del primo singolo di Charlie Charles, ovvero Bimbi. Il 27 marzo collabora con il rapper francese Lacrim nella traccia intitolata Tristi, parte dell’ultimo album di Lacrime intitolato Force et Honneur. Il 27 aprile il singolo Pizza kebab viene certificato disco di platino dalla FIMI.

Il 12 maggio 2017 pubblica il singolo Happy Days, che precede l’uscita del suo primo album, Album, pubblicato il 26 maggio e successivamente certificato disco di platino con oltre 50.000 copie vendute.

 

Le canzoni di ghali con più visualizzazionisono:

    • Ninna Nanna : 747.406 views
    • Happy Days : 54.373.315 views
    • Dende : 40.955.523 views
    • Habibi : 33.444.133 views
    • Wily Wily : 27.044.743 views

Andrea Gjergji

Mercatini di Natale

Il Mercatino di Natale è una manifestazione  pubblica, che si svolge generalmente all’aperto,  generalmente vi si trovano dei piccoli stand, nei quali vengono messe in vendita le decorazioni natalizie, i prodotti regionali gastronomici o dell’artigianato,souvenir, piccoli oggetti regalo,ecc…

Si effettua diffusamente un servizio di ristorazione veloce che propone spesso il vin  brulè, panini, salcicce e wurstel caldi  e spesso viene organizzato nel  centro cittadino, in cui  si espone tutto ciò che riguarda il Natale.

La decorazione del luogo cerca di risultare suggestiva: si compone di una notevole illuminazione, fatta di luminarie, e spesso di fuochi di ceppi.   L’intrattenimento comprende spesso degli spettacoli tradizionali quali, ad esempio, l’interpretazione di personaggi del presepe o della nascita di Gesù.

A volte, i mercatini hanno anche apertura notturna. Durante il periodo di dicembre, i mercati  si trasformano in  mete turistiche molto popolari,tra cui i più  famosi si svolgono  nelle città di Bolzano,Norimberga,Vienna,Colonia,Parigi.

Le prime tracce di mercati di Natale risalgono al   XIV in   Germania e Alsazia con il nome di Mercato di San Nicola.

Il primo documento che attesta un mercato di Natale è datato 1434 e cita un Striezelmarkt (mercato degli ‘Striezel’, un dolce tedesco) che ha avuto luogo a Dresda,    il lunedì precedente il Natale.

Più tardi, durante la riforma protestante, il nome fu ribattezzato in Christkindlmarkt, per opposizione al culto dei santi. Altri antichi mercati sono quello di Strasburgo che risale al 1570, e quello di Norimberga del 1628.

Anche intorno a noi ci sono dei mercatini di    Natale e non ci resta che fare le corse fino all’ ultimo regalo.

Tanti auguri di buon Natale

 

 

Francesco Esposito

Bassetti Edoardo

Tommaso Valdiserra

Gli effetti dei videogiochi.

 

Effetti positivi dei videogiochi:
I videogiochi facilitano:

L’approccio alla cultura e al pensiero tecnologico;

Stimolano i processi mentali (memoria, capacità di pensiero induttivo);

Capacità di calcolo e di formulazione di strategie vincenti;

La coordinazione oculo-motoria.


Effetti negativi dei videogiochi:

Possiamo assistere a fenomeni come:

 

Estraniamento dalla realtà;

Mancanza di empatia;

Sedentarietà;

Sovrappeso;

Eccessivo senso di potere e controllo;

Disturbi della vista;

Indipendenza.

Non è da trascurare il forte impatto dei contenuti violenti di alcuni videogiochi sul comportamento: diverse ricerche hanno infatti evidenziato come il contenuto di questi ultimi desensibilizzi il cervello alle immagini “crude” e induca comportamenti aggressivi.

Uno dei rischi più grandi quando si passa troppo tempo videogiocando è l’abolizione del confine tra uso e abuso, con il conseguente rischio di innesco di una vera e propria dipendenza. Con l’utilizzo eccessivo di videogiochi si verifica quindi, un sovraccarico di informazioni che rende i bambini incapaci di ritenere, gestire, elaborare ed interpretare, la mole di dati cui si trovano esposti. Ciò si riscontra soprattutto con quei videogiochi e simulazioni virtuali che presentano una perfezione grafica tale, da ridurre notevolmente la distanza tra realtà e finzione. Il contatto precoce, intenso e prolungato rende difficile al bambino l’individuazione del confine tra uomo e macchina, animato e inanimato, fantasia e realtà.

 

Come gestire l’uso dei videogiochi:
Per cercare di contenere tutti i rischi legati all’uso dei videogiochi, si possono però attuare delle precise regole. Eccone alcune:

I genitori devono supervisionare il tempo trascorso dai loro figli sui videogiochi, in modo che non si trasformi in un’attività quotidiana e per un tempo non superiore alle due ore complessive;

Fare delle pause durante l’utilizzo del videogioco, in modo da permettere il riposo sia del sistema cognitivo sia di quello visivo;

Promuovere l’utilizzo dei videogiochi in sfide con amici o fratelli, in modo da rendere il gioco, uno strumento di socializzazione piuttosto che di isolamento;

Controllare il contenuto dei videogiochi acquistati, evitando sfide violente o eccessivamente competitive.

Nell’era di internet non possiamo impedire ai nostri figli di utilizzare videogiochi, estraniandoli dal mondo che li circonda o allarmandoli

sui rischi cui possono incorrere. Al contrario per impedire che siano esposti a tali pericoli, è fondamentale parlare con loro, ascoltarli, giocare e rispondere alle domande con pazienza e serenità. Supervisionare i propri figli silenziosamente, intervenendo solo all’occorrenza, è il modo migliore per infondere loro fiducia e responsabilizzarli, indirizzandoli così verso una crescita più matura e sicura di sé.

Gaia e Jacopo

Cose accadute nel 2017 che forse non sai

La Nasa, il 22 febbraio, ha scoperto che, nell’orbita della stella Trappist-1 sette pianeti molto simili alla Terra. Gli astronomi pensano che tre di questi pianeti ospitino la vita.

Dopotutto una specie di canide che gli scienziati credevano estinto è stato scoperto dopo 50 anni!

Secondo gli studi dell’American Mineralogist negli ultimi 200 anni siano state scoperti 208 minerali.

Ben Tipped, uno studioso, ha inventato un modello di macchina per viaggiare nel tempo.

La Geological Society of America ha scoperto le tracce di un nuovo continente: Zealandia.

Uno studio canadese ha osservato il comportamento dei narvali, in particolare delle loro zanne. Hanno scoperto che oltre che come rompighiaccio, anche come strumento di ecolocalizzazione e per sordire i merluzzi prima di catturarli.

La conferenza delle Nazioni Unite approva a sorpresa la mesa al bando delle armi atomiche. Il documento, firmato da 122 Paesi (ma da nessuna delle potenze nucleari) diventerà vincolante dopo tre mesi che sarà stato ratificato da almeno 50 nazioni.

La Cina ha approvano che le zanne di elefante lì non saranno più vendute.

Il Nobel per la medicina va ai tre scienziati USA che hanno svelato il meccanismo molecolare del ritmo circadiano, l’orologio interno che regola l’alternanza di notte e giorno nel nostro organismo. Funziona grazie a una proteina, che si accumula nelle cellule di notte e si degrada durante il giorno.

Il buco dell’ozono si sta riducendo e ora misura “solo” 19,7 milioni di km2: secondo la Nasa, non è mai stato così piccolo dal 1988. Ma non c’è troppo da festeggiare: il restringimento è dovuto anche al riscaldamento dell’atmosfera, che provoca effetti assai meno desiderabili nei suoi strati più bassi.

KRISTEL & SARA 😀

L’orso polare muore di fame: la colpa è dell’uomo!

Il video diventato virale di un magro e malconcio orso polare che si trascina in cerca di cibo ha commosso tutto il mondo. Ora dobbiamo agire per fermare lo stravolgimento del clima alla base di questo disastro!

 

«È una scena che spacca il cuore, ma che abbiamo scelto di condividere per rompere il velo di apatia della nostra società»
Questo il commento di Paul Nicklen, attivista e fotografo per National Geographic, al video postato sul suo profilo Instagam.
Nel filmato, girato sull’isola canadese di Somerset, si mostra un magrissimo orso polare che si trascina come un fantasma tra i rifiuti alla ricerca di qualcosa da mangiare.
Le immagini sono forti, tanta è la sofferenza che traspare dall’animale in agonia, ma il fotografo ha voluto che il video diventasse virale per smuovere le coscienze e far sì che qualcosa possa finalmente cambiare.
L’orso che arranca in un terreno dove dovrebbe esserci freddo e neve è infatti l’ennesimo manifesto del riscaldamento globale causato dall’inquinamento umano: le temperature si sono alzate, neve e ghiacci a certe latitudini non ci sono più, i mari sono più caldi, le foche sono sempre di meno e gli orsi, che di queste foche si nutrono, patiscono la fame più nera.
È un circolo vizioso che abbiano innescato noi e che solo noi possiamo spezzare.
«Avevamo le lacrime agli occhi mentre filmavamo – ha affermato Nicklen in un’intervista al National Geographic – È stata l’esperienza più sconvolgente che abbia mai vissuto». E che si spera nessuno, uomo o animale, debba più rivivere.
Tra le tante voci d’indignazione sollevatesi in seguito alla pubblicazione del video vi sono però alcuni che vanno controcorrente.
Il fotografo è stato accusato di insensibilità per non aver provato ad aiutare l’animale, ma Nicklen ha rispedito al mittente la calunnia con semplicità: «Purtroppo non giro con 400 kg di carne di foca in tasca!»
Un po’ più fondati invece potrebbero essere i dubbi avanzati da alcuni biologi raggiunti dalla BBC. Questi studiosi, pur non negando le implicazioni causate dal clima impazzito, affermano infatti che l’orso sarebbe potuto essere semplicmente malato e non denutrito per mancanza di un habitat ideale, come invece suggerito dagli autori del video.

Ennio Hajrulla

Flashmod contro il femminicidio

La mattina del 2 dicembre una rappresentanza degli alunni dell’istituto comprensivo “Bonaccorso da Montemagno” hanno organizzato un flashmob contro la violenza sulle donne.

Il Flashmob si è tenuto tra le 9 e le 10 nel centro cittadino: ha avuto il suo inizio in piazza della Vittoria, davanti al palazzo comunale per poi spostarsi in piazza Risorgimento e infine in piazza Agenore Fabbri, davanti alla Biblioteca.

In Italia solo dal 2005 alcuni centri antiviolenza e Case delle donne hanno iniziato a celebrare questa giornata. Ma negli ultimi anni anche istituzioni e vari enti come Amnesty International festeggiano questa giornata attraverso iniziative politiche e culturali.

Nel 2007 100.000 donne (40.000 secondo la questura) hanno manifestato a Roma “Contro la violenza sulle donne”, senza alcun patrocinio politico. È stata la prima manifestazione su questo argomento che ha ricevuto una forte attenzione mediatica, anche per le contestazioni che si sono verificate a danno di alcuni ministri e di due deputate.

 Nel 2016, il 26 novembre, il movimento delle donne, organizzato intorno alla sigla Nonunadimeno scende sulle strade di Roma in una imponente manifestazione contro la violenza alle donne con la presenza di 200.000 donne.

Dal 2006 la Casa delle donne per non subire violenza di Bologna promuove annualmente il Festival “La violenza illustrata”, unico festival nel panorama italiano interamente dedicato alla Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Ormai centinaia di iniziative in tutta Italia vengono organizzate in occasione del 25 novembre per dire no alla violenza di genere in tutte le sue forme

                                                                                                                                                                                                                                                          Jole Monsignori        Marco Giachi

Giovani: iPhoneX VS cultura…chi vincerà?

L’attesa si è finalmente conclusa. Dopo averlo testato in modo completo è finalmente arrivato, sul mercato l’iPhone X.

Uno smartphone assolutamente rivoluzionario, per il mondo iPhone e non solo…

Descriviamo alcune caratteristiche:

– Design :

La parte posteriore è realizzata in vetro, resistentissimo e che garantisce un ottimo feeling al tocco, mentre i bordi del dispositivo è realizzato in acciaio.

– Iphone X dà una migliore sensazione di robustezza in mano rispetto ai precedenti iPhone.

– Iphone X in confronto agli altri iPhone, ha molte differenze, come ad esempio la mancanza del tasto home:

Appena uscito, nei negozi in cui si trovava, c’era una grande fila di persone che aspettavano di comprarlo.

Negli stessi giorni in cui è uscito il nuovo modello iPhone X, alcuni giovani sono stati in fila più di 10 ore, dormendo in sacco a pelo in Piazza del Duomo a Milano.

Questi ragazzi sono stati in fila tutto questo tempo per acquistare i biglietti scontati a 20 euro del Teatro La Scala di Milano per lo spettacolo dedicato agli Under 30 che è stato realizzato lo scorso 6 dicembre.

Loro sono la prova che I giovani non si interessano soltanto all’ iPhone, ai concerti dei rappers etc.,ma anche alla cultura di ieri, oggi e domani.

NARCIS BONCAN

DIEGO QUERCIOLI

SIMONE AGOSTINI

LORENZO ORASSI