MINECRAFT

Oggi parliamo di Minecratft che è un videogioco di creatività e sopravvivenza.
Infatti l’obiettivo principale è quello di costruire case,città, oggetti … insomma un po’quello che vuoi.

1-più-belle-case-di-minecraf555
Ma è anche un gioco di sopravvivenza perché devi sopravvivere a ragni,creeper,enderman,draghi,scheletri,zombi di varia natura,streghe,wither,scheletri wither,ghast,cubi di magma e slime … Insomma, della serie, SI SALVI CHI PUO’!!!
In questo gioco puoi pescare,combattere,volare, cuocere cose nella fornace,costruire cose con il banco da lavoro,mettere oggetti in un baule,fare pozioni con l’ alambicco,riparare cose con l’incudine e puoi anche far esplodere dinamite con l’acciarino!!!!!!!!!!
Purtroppo in Minecraft c’è un virus chiamato Herobrine nonché il gemello di Steve (protagonista del gioco)solo che rispetto a Steve,Herobrine ha gli occhi bianchi.
Insomma la tua vita in Minecraft è tranquilla infatti puoi vivere con animali stando però attento a non incontrare Herobline e mostri.
Ma dicevamo … chi è Steve?
Steve è la tua SKIN iniziale del gioco e anche il nome è già inserito quando giochi per la prima volta, comunque puoi cambiarle entrambe durante l’evoluzione del gioco.
Per trovare gli skin basta cercarle su http://www.minecraftskinnet.it.
Vi consigliamo di scaricare il gioco oppure provarlo a casa con gli amici perchè è molto divertente.
Pensate che qualcuno ha costruito il COLOSSEO!!!!!!!!!!!!!!!!
Ma soprattutto ricordiamo di dare spazio alla propria creatività 😉

più-belle-case-di-minecraft
TOMMASO MONTI
RICCARDO CIRUOLO
EMMA TEMPESTINI

Annunci

COSA FACCIO IO NEL MIO TEMPO LIBERO.

COSA FACCIO IO NEL MIO TEMPO LIBERO

Ciao ragazzi!
Oggi parleremo di come trascorrere il nostro tempo libero e vi parlerò di come solitamente lo trascorro io.
Quando riesco ad avere del tempo libero cerco di sfruttarlo nella maniera migliore, ad esempio guardo i miei programmi televisivi preferiti a letto con un bel pacco di patatine e una bella bottigliona di coca-cola (certo come no!? Così sarebbe come lo vorrei trascorrere nel mondo dei sogni,perché dovete sapere che mia madre prende la coca-cola e le schifezzuole varie ogni morte di Papa),ma più o meno è così.
Raramente passo il mio tempo leggendo dei libri(chi leggerebbe un libro nel tempo libero?! E’ così noioso…),a meno che non si tratti di un libro umoristico, MOLTO umoristico!
Sennò alcune volte esco anche con i miei amici e si fa un giro nei dintorni oppure si va a mangiare un gelato o a guardare dei negozi(di vestiti obv),ma naturalmente prima mi devo subire tutta la lagna di mia madre del tipo ‘MARTINA TORNA PRESTO! MARTINA TORNA PRIMA CHE FACCIA BUIO! MARTINA NON FARE COSE SCONCE! NON ACCETTARE PASSAGGI DA NESSUNO E BLA BLA BLA BLA BLA…
E niente questi sono i tre modi in cui solitamente trascorro il mio tempo libero,spero di non avervi annoiato e niente…alla prossima!

Martina Belfiore.Free-Time

PARLANDO DI LIBRI

LIBRI CONSIGLIATI: L’uomo che voleva essere felice di Laurent Gounelle.

Ciao a tutti, piccoli lettori accaniti del Segnalibro Quarrata.
Oggi, la vostra Francesca ha deciso di smorzare per una volta soltanto con la solita nenia sulla musica giapponese e sulla festa di San Valentino.
Ho deciso di parlarvi di qualcosa di un po’ più serio, ma che può risultare ugualmente molto interessante se la si analizza con il giusto spirito.
Pensavo che sarebbe stato bello parlarvi di libri, per una volta.
Personalmente, io amo tantissimo leggere: è bello sedersi su una sedia e sfogliare le pagine sottili di un bel romanzo, mi trasmette un senso di conoscenza e di tranquillità che nessun’altra cosa riesce bene a darmi. Anche se, come al solito, devo sempre distinguermi dalla massa leggendo quasi esclusivamente libri in inglese o in francese.
Ma torniamo all’argomento principale.
Il libro di cui vi voglio parlare oggi è di un autore francese, Laurent Gounelle, e si chiama “L’uomo che voleva essere felice”.
Non ho ancora finito di leggerlo e lo considero già uno dei miei libri preferiti, forse il primo in assoluto. E’ molto bello il modo in cui l’autore analizza le varie sensazioni e le varie scene che vedono i due protagonisti coinvolti. Ma penso che ve ne potrete rendere conto a vostra volta se prima vi parlo un p’ della trama, non credete?
Vi accontento subito.
Julian, il protagonista del romanzo, è un professore di appena trent’anni nato e cresciuto negli Stati Uniti. Non è un caso che il protagonista, tormentato da un profondo senso di insoddisfazione e di oppressione, provenga proprio dal Paese emblema della frenesia. Questo tizio, durante una vacanza in Indonesia e più in particolare nella città di Bali, fa la conoscenza di un maestro spirituale.
L’impressione che fa questo qua all’americano è quella di un uomo estremamente calmo, felice e capace di trasmettere un infinito senso di pace.
E sarà proprio a questo maestro che il professore Julian si rivolgerà per trovare la felicità.
E’ un libro bellissimo che aiuta le persone a conoscere meglio se stesse attraverso l’analisi della coscienza di un soggetto “cavia”, e personalmente penso che sia una bella idea da scrivere in un libro.
Lo consiglio a tutte le persone che si ritengono curiose e interessate a scoprire nuovi aspetti delle cose.

Francesca Chiti.il libro spacca cooli

FRANCESCA MICHIELIN

Ciao ragazzi!!

Sanremo è finito ,indovinate chi è arrivata seconda?

La giovanissima Francesca Michielin con la canzone

NESSUN GRADO DI SEPARAZIONE”.

la-cantante-francesca-michielin

Francesca Michielin è nata il 25 febbraio nel 1995,quindi ha 21 anni.

La cantante ha cominciato ad amare la musica a 9 anni.

Ha iniziato a cantare definitivamente a “X Factor” diventando poi famosa.

Lei è una cantautrice italiana e compone canzoni per adulti e ragazzi.

I testi che ha scritto possono essere molti ,ma noi gli riepiloghiamo alcuni:

  • Riflessi di me” è stato scritto nel 2012

  • Distratto sempre”nel 2012.

Il nuovo album che ha composto nel 2015 s’intitola “DI 20” e lo ha lanciato a Milano lo scorso 21 ottobre 2015.

I titoli delle canzoni che ci sono nell’album DI 20 sono:

-L’amore esiste ,

– Cigno nero,

– Magnifico,

– Amasing,

– Nessun grado di separazione.

Vi consigliamo di seguirla perché è una cantautrice molto brava adatta a tutte le età.

Ciaoooo!!!!!!!

Cos’ è il servizio civile scolastico?

 

Il Servizio Civile Scolastico è un’attività che è iniziata il 15 febbraio 2016 ed è rivolto a tutti gli studenti delle classi prime medie del nostro istituto.

Il Servizio Civile  è un’attività di gruppo che aiuta la scuola e noi  ad essere persone migliori e aiuta anche a stringere nuove amicizie o migliorare quelle vecchie, così come si vede nell’immagine che lo rappresenta.

Esso ha una forte valenza educativa e formativa, dando un’occasione di crescita e un’ opportunità di educazione alla cittadinanza attiva.

servizio civile

Ogni alunno di tutte le classi prime, della Scuola Media “Bonaccorso da Montemagno” ha scelto un’attività pomeridiana in cui impiegare 6 ore durante l’anno scolastico.

Perché lo facciamo?

servizi civile giovani

Lo facciamo per  migliorare ognuno di noi e per diventare persone altruiste e responsabili.

In sintesi il servizio civile scolastico aiuta ogni alunno a diventare un esempio per ogni persona del mondo.

Le attività in cui svolgiamo il nostro servizio:

-biblioteca

-giornalino della scuola

-aula di scienze

-comodato libri usati

-sito

-pulizia pertinenze

-bonaccorso accademy junior

Jacopo Trinci

Michelangelo Pratesi

 

Super Mario Bros!

Super MARIO BrosOggi parliamo di uno dei videogiochi più famosi degli ultimi trent’anni:
Super Mario Bros!
Tutti conosciamo i personaggi del videogioco: Mario, Luigi, Principessa Peach,i Toad (piccoli funghetti ) , Bowser il cattivo, suo figlio Bowser Junior e le sue truppe.

SI_Wii_SuperMarioGalaxy2
Ma qual è la loro storia?
C’era una volta il regno dei funghi, un regno molto pacifico popolato dai Toad , piccole creature dalla testa a forma di fungo.
Un giorno Bowser il cattivo decise di rompere la pace nel regno dei funghi,trasformando i Toad in blocchi di ghiaccio.
Poi rapì la Principessa Peach, l’unica in grado di rompere la maledizione fatta ai Toad.
La notizia giunse a Mario e Luigi che decisero di salvarli.
Mario si mise in cammino. Attraversando 8 mondi giunse nel castello di Bowser sconfiggendolo in battaglia e riuscendo così a liberare la Principessa.
Ma come si gioca a Super Mario?
L’obiettivo del gioco è di attraversare i tanti mondi del Regno dei Funghi divisi in livelli, eliminare e/o evitare il malvagio Bowser e le sue truppe, e salvare la Principessa Peach.
Ma per superare i livelli è facilissimo…l’importante è imparare a saltare sui cattivi e riuscire ad ottenere i power up che danno a Mario un sacco di super poteri.
In realtà non è un gioco così semplice come si può pensare, ma è sicuramente uno dei giochi più famosi e divertenti che sono stati inventati!.

Super-Mario evoluzione
RICCARDO CIRUOLO
TOMMASO MONTI

PARLANDO DI SAN VALENTINO

pATRICK OMG

San Valentino, la festività corrispondente al 14 Febbraio, è da tutti considerata la festa degli innamorati, o almeno delle persone che si vogliono bene. Quindi, a San Valentino, per festeggiare non è necessario essere fidanzati o avere un’importante dichiarazione da fare: basta semplicemente volersi bene, dimostrando alle nostre persone care che siamo felici di averle conosciute e di essere diventati loro amici.

Per dire a qualcuno tutto ciò, spesso basta solo una frase, o ancora meno, un parola: nonostante bigliettini, fiori o cioccolata siano molto belli e graditi dalla persona a cui li destiniamo, essi sono del tutto secondari, assolutamente non necessari alla buona riuscita della giornata.
Ma se ci pensiamo a fondo, dopotutto anche le parole sono molto banali: avete mai pensato a quanta gioia o apprezzamento possano trasmettere un bacio o un abbraccio? Sono certa che il valore di tali azioni, purtroppo, è stato molto sottovalutato da miliardi di innamorati nel corso delle generazioni.

Inoltre, per dire a qualcuno che gli vogliamo bene e che siamo veramente contenti di aver fatto parte della sua vita fino a quel momento, basta semplicemente dirlo con il cuore: io ho svariati amici a distanza, e per questo non ho mai potuto vederli da vicino e dire loro che li apprezzo e che voglio loro bene faccia a faccia. Eppure, sono riuscita a farlo comunque. Come?

No, non ho usato trucchi di magia. Semplicemente, sono stata sincera e ho detto loro, purtroppo tramite messaggio o registrazione vocale di Whatsapp (Visto come sono tecnologica :D) quanto io fossi contenta di passare San Valentino con loro.
Con questo,quindi, vi volevo solo dire che in questa festa, in fondo l’unica cosa che conta è quello di volersi bene e di essere contenti insieme a una persona speciale.

Purtroppo, però, negli anni San Valentino è diventato solo un altro degli ennesimi fenomeni di massa e la sua essenza si è vaporizzata mentre le persone, comprando miliardi di oggetti inutili, facendo perdere alla festa dell’amore gran parte della sua aura di allegria.
Vi inviterei, perciò, a riflettere prima di spendere milioni in cosucce da niente che magari non compieranno neppure l’effetto desiderato.

Detto questo, vi saluto augurandovi in anticipo una buona Festa di S. Valentino.

Francesca Chiti.